" Il mio corpo è fatto della stessa carne del mondo "                                                                           M.M.Ponty

Perche' la lentezza e' sempre piu' poetica? Lo scontro tra la frenesia sincopata della società occidentale contemporanea e la dilatazione interna metabolica, spesso genera un inquietudine profonda nei corpi. Silence? è un lavoro performativo che vuole indagare la dimensione qualitativa (emotiva, percettiva, tattile..) di velocità e lentezza. Il corpo della performer si immerge in uno spazio materico in cui ogni gesto produce suono.  Le modificazioni dell' oggetto materico, del corpo della performer e dei suoni prodotti, sono l' evidenza di possibili paesaggi originati da lentezza e velocità. La scena si tesse di tensioni specifiche: fragilità, violenza, rigore e confusione sono le cifre di uno spazio che si radica nel quotidiano, per collocarsi altrove. Velocità e lentezza, si definiscono in termini emotivi di grande impatto, veicolati da un silenzio denso e teso, da sonorità taglienti e martellanti.

SILENCE?

di e con Nuvola Vandini

 

 

Live sound design Massimo Nardinocchi

Mentoring Claudia Dias, John Ashford, Iris Karayan, Francesca Lattuada

Consulenza artistica Lucia Palladino

Creato nell' ambito di IFA - Inteatro Festival Academy, Polverigi.

Progetto vincitore di IFA 2014- Inteatro;

selezionato dalla rete Anticorpi per il Percorso GDA Nuove Traiettorie XL 2015/16

Viene presentato a: Festival Inteatro 2014; Festival 40zero54: Dispositivi di Danza Contemporanea 2015; Dancewoods Festival 2015